page 6 of 36
aiuto   stampa   indice   inizio


LA STRUTTURA FORMALE E LA BASE TEORICA DELLA NOTAZIONE DELL'ESAGRAMMA





   A. La struttura formale della Notazione dell'esagramma nasce dalla Notazione del pentagramma, è fondata sui concetti tradizionali ma allo stesso tempo li supera. Di conseguenza è per noi inedita e pur sempre familiare; è varia e pur sempre uniforme. Tutto il sistema applicato è più complesso eppure più semplice della stessa Notazione del pentagramma.

   B. La Notazione dell'esagramma si fonda su tre elementi costitutivi, che sono: le conquiste teoriche e artistiche della Notazione del pentagramma; il nucleo razionale della logica formale e di quella matematica; il sistema di pensiero filosofico e la modalità deduttiva dello Yi Jing e del "Ba Gua"*. In tal modo prende forma un sistema del rigo dalla struttura razionale, il concetto è conciso, la funzione completa e la regola semplificata.

   Le modalità formative del nuovo sistema sono le seguenti: 1) ogni insieme di tre righe orizzontali parallele forma un mezzo rigo — precisamente, basando sul Pentagramma tradizionale, con le tre righe inferiori del "Rigo in chiave di violino" o le tre righe superiori del "Rigo in chiave di basso"— che, combinato con la riga supplementare naturale transitoria, costituisce il raggruppamento di una scala mutabile, precisamente un'ottava, una serie di dodici toni o una serie di ventiquattro toni; ogni insieme di sei righe orizzontali parallele, costituito dalla combinazione di questi due raggruppamenti adiacenti e opposti di scale mutabili, forma un rigo che, mediante il principio di complemento reciproco, diventa un modo espressivo musicale a sé stante. 2) ogni rigo è una combinazione simmetrica del rapporto di 2:1 sia formale che matematica; ogni rigo può essere evoluto e duplicato logicamente secondo le modalità del sistema binario e della gradualità: in tal modo vengono prodotti il "Rigo completo" e il "Rigo inferenziale". Il "Rigo completo", cioè una combinazione dei righi di 4 diversi livelli con le chiavi dei sette programmi applicativi composti da 27 righe e 8 ottave, comprende tutti gli ambiti dei toni eseguibili; il "Rigo inferenziale", ossia una serie di combinazioni variabili con la struttura del principio di equivocità, può esprimere invece le categorie specifiche della frequenza e dell'immaginario, al di là dell'uso praticabile. Essi possono essere allo stesso tempo concreti e astratti; realistici o fantastici. L'applicazione di questo sistema, che ha solamente una regola unica e una sola formula logica, si può dispiegare dal microcosmo al macrocosmo, dall'interno verso l'esterno, sempre ricominciando il giro a ciclo continuo, può variare all'infinito senza distaccarsi dal principio.

C. Nella Notazione dell'esagramma il "Do-centrale" è il centro nella struttura dei righi e nel sistema delle scale. I righi e le scale sono formati per espansione a partire dal "Do-centrale"; il "Do-centrale" è il centro di unificazione per ogni combinazione dei righi e delle scale. Essi sono completi e a un tempo divisi; simili e a un tempo diversi. Benchè le regole siano le stesse, esse si applicano ai diversi ambiti.

D. La struttura formale e la base teorica della Notazione dell'esagramma, soprattutto la sua logica formale e quella matematica, possono costituire l'intelaiatura teorica anche per il "Rigo dimostrativo" nel campo della musica contemporanea e d'avanguardia, offrendo regole praticabili e standardizzate per la sua applicazione e i suoi futuri sviluppi.



* Ba Gua: il sistema dei 64 diversi "esa-grammi" nello Yi Jing, ottenuti dalla combinazione, a due a due, degli 8 diversi "tri-grammi" fondamentali, usato fin dall'antichità sia come metodo di divinazione sia come modalità deduttivo-filosofica. La sua logica formale e matematica è quella del rapporto di 2:1 (cioè unità formata dal raddoppiamento di due metà), che è caratteristica dell'unità degli opposti ed ha anche la capacità di ricominciare il giro a ciclo infinito; l'alternanza dello Yin e dello Yang corrisponde al principio del sistema binario.

page 6 of 36