page 3 of 36
aiuto   stampa   indice   inizio


PREFAZIONE

Zhao Feng*




   Fin dall'antichità l'uomo ha avvertito il desiderio di trascrivere la musica. Nella storia della musica cinese una primitiva forma di notazione risale a più di quattromila anni fa. In Europa il primo metodo di trascrizione della musica su riga nasce non più tardi del IX secolo.
   La Notazione del pentagramma nella sua attuale forma è stata definita già nel XVIII secolo. Ma, come è noto, questo sistema di trascrizione è ancora imperfetto e studiosi della musica di tutto il mondo conducono un'incessante ricerca per la riforma della notazione musicale, che ha portato all'elaborazione di diversi progetti.
   La trascrizione musicale su sei righe orizzontali apparve, in forma rudimentale, già prima della comparsa del tetragramma medievale del Canto gregoriano. Dopo la nascita del Pentagramma, le sei righe orizzontali vennero già usate nell'antica "intavolatura". Negli ultimi 200 anni, sono state avanzate più di 220 proposte di riforma della notazione musicale lineare, da quelle ad una riga a quelle su sedici righe, di cui più di 30 a sei righe. La prima proposta di riforma della notazione a sei righe è stata pubblicata nel 1789 e l'ultima nel 1984. Anche in Cina, alla fine degli anni '50, Fang Jisheng e Zhao Songguang hanno elaborato un analogo progetto. Tuttavia, lo scopo di tali proposte era soltanto quello di unificare la lettura delle note.
   Il prof. Wu Dao-Gong, musicista cinese di cittadinanza italiana, propone nel Trattato sull'Esagramma — pubblicato in italiano, in cinese ed in altre lingue — un progetto di riforma che mediante la logica formale e la logica matematica del rapporto di 2:1 e del principio del sistema binario, è basato principalmente sull'Esagramma di 4 livelli con 27 righe che formano il "Rigo completo" di 8 ottave, composto in modo sistematico dal "Rigo in chiave doppia di violino", il "Rigo in chiave di violino", il "Rigo in chiave di basso" e il "Rigo in chiave doppia di basso"; fra questi vanno inseriti anche il "Rigo mediano" (compresi i righi in chiave di contralto e tenore) e i due "Righi transitori" dei sistemi registri di violino e di basso. In questo modo, viene ridotta o del tutto evitata l'aggiunta di numerose righe supplementari e la lettura delle note viene unificata, ne risulta una regola semplice e unitaria e, soprattutto, viene eliminata la difficoltà dello spostamento del "Rigo mediano". La struttura dell'Esagramma di otto ottave e quattro livelli raggruppati in forma singola e divisibile, può comprendere tutti gli ambiti dei toni eseguibili, dal pianoforte a grande coda alla composizione per orchestra e voce umana.
   Il vantaggio di questa riforma risiede in particolare nel fatto che tutte le note C (Do) nei diversi registri dei quattro livelli, vanno a situarsi in modo uniforme nella posizione centrale e simmetrica. La struttura logica estremamente rigorosa e concisa dell'Esagramma, apre certamente ampie prospettive alla computerizzazione della notazione musicale.
   Ma, malgrado molti avvertano la necessità di una riforma, è arduo cambiare una prassi acquisita ormai da tanto tempo.
   Il lavoro creativo del Sistema Daogong deve essere pienamente riconosciuto ma, affinchè il progetto razionale dell'Esagramma da lui proposto si diffonda, è necessario l'interessamento della comunità internazionale, al fine di realizzare un programma applicativo e divulgativo; un'ampia discussione e la meritata attenzione provocheranno un auspicabile, generale consenso.
   A tutt'oggi, la pubblicazione in diverse lingue del testo Trattato sull'Esagramma e la sua diffusione su scala internazionale, sono già indice di un primo risultato ottenuto grazie agli sforzi impiegati in questa lodevole iniziativa.




Zhao Feng
Zhao Feng




* Maestro Zhao Feng: grande educatore, commentatore e teorico della musica, tra i musicisti cinesi più importanti, la cui opera China Supplementary Volume 1 instruments (The universe of Music — A History) è nota in tutto il mondo. Presidente dell'Associazione musicisti cinesi e Direttore emerito del Conservatorio centrale di musica della Repubblica Popolare Cinese; Presidente della Commissione delle Arti del Ministero della cultura della R.P.C.; Presidente del Comitato dell'educazione artistica della Commissione nazionale dell'educazione della R.P.C.; Professore alle Università di Xiamen, di Nankai e di Henan; Membro della Conferenza consultiva politica del Popolo cinese della R.P.C.; Coordinatore della Regione asiatica dell'UNESCO/IMC.

page 3 of 36